Come creare un moodboard più 4 modelli gratuiti. Articolo dal blog di Marianna Milione

Come creare una moodboard (+ 4 modelli gratuiti)

Se ti è capitato di leggere un po’ di articoli sul mio blog, ti sarai sicuramente accort* di una costante: la parola moodboard. Ebbene sì, è una mia ossessione. Amo creare moodboard, è il punto di partenza perfetto per dare sfogo alla mia creatività. La cosa che mi piace di più è che riesce a schiarirmi le idee soprattutto quando un progetto non lo sento molto mio. A volte mi capita di lavorare con clienti che hanno uno stile opposto al mio e realizzare una moodboard mi aiuta ad uscire dalla mia confort zone.

Cos’è e a cosa serve una moodboard

Articolo su come ho rinnovato la mia immagine coordinata, moodobard, dal blog di Marianna Milione
La moodboard per la mia attività

Una moodboard è una tavola di ispirazioni, ovvero un luogo (fisico o digitale) dove raccogliere immagini che esprimono delle suggestioni, dei valori. È un collage di immagini, colori, tipografie, pattern, texture in armonia tra loro.
Se stai pensando di rinnovare la tua identità realizzare una moodboard è un ottimo modo per avere stimoli creativi. Potrai rappresentare con delle immagini le sensazioni che non riesci ad esprimere con le parole. Guardandole penserai «Questa è proprio la mia attività!».
Ti aiuterà a trovare la palette colori perfetta per la tua attività ma anche a raccogliere stimoli per un nuovo progetto creativo. O perché no, a scegliere lo stile e gli arredi del tuo spazio. Sia che hai un negozio o uno studio, sarà bellissimo lavorare in un luogo che ti rappresenta e che ti far stare bene.

Per prima cosa raccogli le ispirazioni

Il primo passo per creare una moodboard è la raccolta delle immagini. A me piace farlo su Pinterest: crea una bacheca (segreta) e inizia a raccogliere tutte le immagini che ti piacciono e che rappresentano l’identità che vuoi raccontare. Non scegliere immagini che corrispondono solo alla tua attività ma esplora anche altri campi: grafica, illustrazioni, paesaggi, moda, cibo, piante, arte. Puoi partire da un’immagine e lasciarti ispirare dalle immagini correlate che suggerisce Pinterest, oppure fare ricerca su altri siti e blog e aggiungere le immagini che trovi alla tua bacheca.
E se sei una persona più analogica, puoi anche raccogliere immagini dalle riviste, dai libri e dai cataloghi. O, perchè no, usare scampoli di stoffe, pezzi di carte da parati e carte regalo, campioni di materiali e vernici. Insomma, tutto può aiutarti a far emergere lo stile l’atmosfera della tua attività.

Poi scegli le immagini

La scelta delle immagini è una fase fondamentale perché inizierai a guardarle con un occhio più critico. Mentre prima ti sei lasciata guidare dalle sensazioni adesso è il momento di essere più razionali. Quindi scarta tutte le immagini che in fondo non parlano della tua attività e conserva quelle che invece ne identificano i suoi valori. Devi tenere sempre ben chiaro il tuo obiettivo che è quello di creare una moodboard che ti dia degli stimoli creativi e non un tavola fine a se stessa.
Scegli le immagini più rappresentative e quelle più armoniche tra loro visto che saranno affiancate. La tentazione sarà quella di conservare più immagini possibili ma ricorda che una buona moodboard è semplice e pulita. Less is more.

E infine crea la moodbard

È arrivato il momento di creare la moodboard. Ora che hai raccolto e scelto le immagini non ti resta che metterle insieme in una composizione armonica. Gioca con le dimensioni per esaltare le immagini più rappresentative e usa lo spazio bianco per dare equilibrio e chiarezza alla moodboard. A me piace sovrapporre le immagini e usare delle pennellate di colore per aggiungere tridimensionalità e matericità alla moodboard.
A volte ti capiterà di riprendere delle immagini scartate o addirittura cercarne di nuove: fa tutto parte della fase creativa della realizzazione di una moodboard. E se invece ti sembra di non riuscire a creare una composizione che ti soddisfa puoi sempre fare un po’ di ricerca e lasciarti ispirare da altre moodboard (l’importante è che non copi!).

Per creare una moodboard puoi scegliere di stampare le immagini che hai scelto e, ad esempio, attaccarle alla tua bacheca creando un collage. Oppure puoi realizzarne uno digitale usando uno dei tanti programmi per la grafica. Che tu sia una persona analogica o digitale, stampa la tua moodboard e mettila dove puoi guardarlo ogni volta che hai bisogno di ispirazione.

I mie modelli di moodboard per te

Per aiutarti ho creato dei modelli per realizzare la tua moodboard in poche mosse. I modelli sono 4, due in verticale e due in orizzontale. Per entrambe le versioni sono disponibili due stili diversi, uno più geometrico, l’altro più organico, così puoi scegliere quello più adatto alla tua identità.

Puoi scaricare i modelli in pdf  nella libreria delle risorse gratuite.

Come creare un moodboard più 4 modelli gratuiti. Versione orizzontale. Articolo dal blog di Marianna Milione
Modelli per moodboard orizzontali.
Come creare un moodboard più 4 modelli gratuiti. Versione verticale. Articolo dal blog di Marianna Milione
Modelli per moodboard verticali.

Tags:
1 Commento
  • Pingback:Style guide e logo: come nasce un'identità grafica | Marianna Milione
    Pubblicato alle 19:30h, 15 Maggio Rispondi

    […] di immagini di ispirazioni. Ed è qui che entra in ballo il moodboard, cioè una tavola che serve a tradurre in immagini le sensazioni da ricreare in un progetto. In questo caso ho voluto rappresentare un rimando al mondo della stregoneria (vedi l’immagine […]

Post A Comment